Salvatore Barbagallo

 


facebook
gplus
linkedin

Salvatore Barbagallo

Per maggiori informazioni:

info@securquality.it

+39 366.369 79 92

Attivita' specifica rivolta alla 

VIGILANZA PRIVATA

{
{
{
{

GLI OBBLIGHI DEL D.M. 269/2010​

REQUISITI MINIMI PROFESSIONALI PREVISTI DAL D.M. 269/2010​

TIPOLOGIE DI SERVIZIO ASSOGGETTATE AL REGOLAMENTO (D.M. 269/2010)  

 

 

Quali soni i termini temporali per l’adeguamento?

Entro il 16 luglio 2012 tutti gli istituti già autorizzati alla data di entrata in vigore del decreto debbono adeguare le caratteristiche ed i requisiti organizzativi, professionali e di qualità dei servizi alle disposizioni del D.M. 269/2010 e dei relativi allegati.

Gli istituti autorizzati ad operare in più province debbono unificare le attività in un’unica licenza rilasciata dal Prefetto della provincia ove l’istituto ha eletto la sede principale. I soggetti che richiedono nuove licenze o estensioni di licenze già operative dovranno invece essere già in possesso dei requisiti soggettivi e oggettivi previsti dalle nuove disposizioni fin dall’entrata in vigore del decreto

La norma UNI 10891 prevede che all’interno dell’organizzazione venga individuata la figura del “Professionista della Security Aziendale”secondo i requisiti stabiliti dalla UNI 10459:2000. Il decreto impone che per gli istituti con un numero di guardie giurate superiore a 100 unità e che operano in ambito territoriale 4 e 5 (territorio ultraprovinciale con popolazione tra i 3 ed i 15 milioni ed oltre i 15 milioni di abitanti) devono avere almeno una figura tra il titolare della licenza, l’institore e il direttore tecnico aventi profilo professionale UNI 10459:2000 (Security Manager).

  • Vigilanza ispettiva
  • Televigilanza
  • Telesorveglianza
  • Vigilanza fissa
  • Intervento sugli allarmi
  • Vigilanza antirapina
  • Scorta valori
  • Vigilanza antitaccheggio
  • Trasporto valori
  • Deposito e custodia valori
{

OWN YOUR COURSE

 

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

Create a website